Toscana in Brasile, per investire sul cacao piu' pregiato al mondo

Le industrie dolciarie toscane hanno intenzione di investire nella costruzione di un grande impianto per la lavorazione del cacao nello Stato amazzonico del Pará. La fabbrica eseguirà i processi di tostatura, decorticazione e macinazione dei semi, tutti funzionali alla successiva produzione di cioccolato.

Mauro Perini, presidente dell’Ibra, istituto con sede a Firenze che promuove le relazioni sociali, economiche e culturali tra Italia e Brasile, è stato recentemente a Belém, dove a nome degli imprenditori della regione ha formalizzato l’interesse in una serie di incontri presso la Segreteria di Stato per l’agricoltura.

L’impianto dovrebbe essere installato nella regione interna della Transamazzonica, dove si concentra la maggiore produzione di cacao del Pará.
Il motivo del particolare interesse degli italiani è dovuto al fatto che il prodotto di quest’area è valutato come il migliore del Brasile. E' inoltre considerato tra i più pregiati al mondo, grazie all’alta percentuale di materia grassa contenuta. Ciò abbassa la temperatura del punto di fusione e facilita le operazioni di trasformazione del cacao in cioccolato, al cui risultato il know-how in arrivo dall’Italia assicurerà un notevole valore aggiunto.

Sono allo studio anche iniziative di marketing su vasta scala per valorizzare il prodotto finito ottenuto, utilizzandolo come biglietto da visita per l’industria alimentare del Brasile nel mondo.

All’interno dei provvedimenti che consentiranno da parte brasiliana il finanziamento del progetto, il governo del Pará ha creato uno speciale fondo, enominato “Funcacau”.
Sarà costituito da una percentuale dell’Imposta sulla circolazione di merci e servizi (Icms) applicata nello Stato e consentirà ai produttori locali maggiori investimenti in ricerca, tecnologia, formazione del personale e utilizzo di procedimenti organici.


News ITALIA PRESS

fonte : http://www.newsitaliapress.it/